Alertswiss Navigation

Sirene, Canton Vallese
2 febbraio 2018

La prova delle sirene è alle porte

Il 7 febbraio 2018 ha luogo la prova annuale delle sirene. Alle 13:30 in punto, in tutto il Paese suoneranno le sirene. La prova serve a verificare il funzionamento delle oltre 7000 sirene sparse sul territorio svizzero. È inoltre l’occasione per le competenti organizzazioni d’intervento di esercitare i processi di attivazione delle sirene. Se le sirene suonano durante la prova, la popolazione può stare tranquilla: significa che i sistemi d’allarme funzionano a dovere.

A che cosa serve la prova delle sirene?

La Svizzera può essere colpita da una catastrofe o una situazione d’emergenza in qualsiasi momento. Se sussiste un pericolo concreto per la popolazione, occorre dare l’allarme il più presto possibile. Agendo rapidamente infatti, in molti casi la popolazione può proteggersi da sé. La prova annuale delle sirene, svolta a livello nazionale, è innanzitutto una prova di funzionamento tecnico delle sirene presenti in Svizzera. Per le organizzazioni che vi partecipano è inoltre un’ottima opportunità per esercitare tutti i processi necessari per attivare le sirene. Rappresenta quindi anche una forma d’istruzione e d’addestramento. È inoltre una buona occasione per ricordare alla popolazione il comportamento corretto da adottare in caso d’allarme

Allarme generale e allarme acqua

Esistono due segnali d’allarme ufficiali: l’allarme generale e l’allarme acqua. L’allarme generale segnala un pericolo imminente per la popolazione. Se sentite questo allarme dovete ascoltare la radio, attenervi alle istruzioni delle autorità e informare i vicini. L’allarme acqua serve ad allertare la popolazione del pericolo di un’ondata di piena nel caso di un’emergenza presso una diga. In caso di allarme acqua bisogna abbandonare immediatamente la zona minacciata!

Allarme generale

Allarme acqua

Sfide tecniche

Garantire il buon funzionamento delle sirene è un compito congiunto di cantoni e Confederazione. I primi provvedono alla manutenzione, al controllo e alla riparazione delle sirene, mentre l’Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) assicura il funzionamento dei sistemi informatici e di telecomunicazione necessari per telecomandare e sorvegliare le sirene. Il sistema di telecomando delle sirene Polyalert soddisfa le elevate esigenze in materia di resilienza e disponibilità.

Polyalert – il sistema per dare l’allarme alla popolazione.
Tutte le circa 5000 sirene presenti sul territorio svizzero sono allacciate a un sistema di comando unitario e possono così essere attivate in modo centralizzato, di regola dalla polizia cantonale.

Dall’autunno 2018 l’allarme sarà diffuso via App

In futuro, in aggiunta al già esistente sistema d’allarme tramite sirene e d’informazione via radio, l’allarme e le informazioni in caso d’evento saranno trasmessi alla popolazione anche tramite «Alertswiss». A tal fine quest’autunno l’Ufficio federale della protezione della popolazione in collaborazione con i partner della protezione della popolazione introdurrà nuovi servizi sulla piattaforma Alertswiss. Ulteriori informazioni sulle nuove funzioni come pure sulla partecipazione alla fase pilota in corso saranno puntualmente pubblicate su questo blog come pure su Facebook e Twitter.

E voi, siete pronti? Ora potete informarvi sul comportamento corretto in caso di pericolo anche tramite Facebook. Linkateci e restate informati!

Posted by Alertswiss on Dienstag, 30. Januar 2018

Il ruolo dell’Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP)

L’UFPP regolamenta e coordina lo svolgimento della prova delle sirene a livello nazionale e mette a disposizione dei media e della popolazione informazioni complete sull’allarme e sulla prova delle sirene. Lo svolgimento dei test di per sé è compito dei cantoni in collaborazione con i comuni e i gestori degli impianti d’accumulazione; le sirene non sono quindi attivate dall’UFPP. Per saperne di più cliccate qui.

Per maggiori approfondimenti

 

Condividi post:

Scrivete un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubbilato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un *