20 Marzo 2019

Come costruire una porta blindata

La porta blindata del rifugio non rientra nel materiale che gli appassionati del fai da te possono procurarsi in un grande magazzino. Pesa 900 kg. Prima di montarlo, il colosso deve essere fabbricato in loco da muratori esperti. Un video spiega come procedere.

Sebbene i rifugi abbiano una struttura relativamente semplice, soddisfano requisiti elevati: proteggono da onde d’urto e di calore nonché da schegge in seguito a esplosioni (nucleari e convenzionali), da radiazioni radioattive e gas tossici. L’Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) definisce in capitolati d’onere tecnici i requisiti minimi che devono soddisfare i rifugi in Svizzera.

La formazione viene a cadere

Un elemento importante di un rifugio è la porta blindata. La porta, che pesa quasi una tonnellata, non viene consegnata quale prodotto finito di montaggio, ma è costruita in cantiere con una cornice in acciaio prefabbricata, barre d’armatura e cemento. L’operazione richiede dimestichezza nella manipolazione di questo materiale. La porta blindata, massiccia, deve essere su misura e chiudere ermeticamente il rifugio.

Per illustrare il procedimento, l’UFPP ha prodotto un video di cinque minuti disponibile sul canale YouTube di Alertswiss e sul sito Internet dell’UFPP. «Grazie a questo video, i costruttori possono installare una porta blindata senza dover seguire una formazione supplementare» sostiene il capo del servizio Costruzioni dell’UFPP Christian Fasel. «Non occorre nemmeno padroneggiare una lingua nazionale.» Il video non contiene né testo né commenti, fatti salvi il titolo e i titoli di coda.

I preparativi minuziosi del regista video Henrik Olofsson: poco prima di girare le immagini si occupa lui stesso del materiale.
Cédric Vuilleumier (secondo da sinistra), responsabile del progetto video presso l’UFPP, spiega nuovamente i cardini della dimostrazione.
Ora si fa sul serio: «Azione!»

L’anno scorso, nell’ambito di una prova pilota, il servizio Costruzioni ha ottenuto buoni risultati mettendo in rete quattro brevi video illustrativi, grazie ai quali gli addetti alla manutenzione delle costruzioni di protezione non hanno più dovuto ricorrere a istruzioni d’uso scritte o a specialisti. Come si effettua la manutenzione di un manometro a tubo inclinato? Come si assemblano gli accumulatori per le lampade portatili d’emergenza? Come si usa una pinza di serraggio o una pinza di serraggio idraulica per serrare un raccordo a vite EMP? I video illustrano in sintesi come eseguire questo tipo di lavori.

Seguiranno altri video per specialisti

Con i video illustrativi l’UFPP utilizza le attuali tecnologie e piattaforme d’informazione e di formazione, sgravando al contempo i suoi specialisti: «In questo modo evitiamo anche che i miei collaboratori debbano impartire i relativi corsi in tutta la Svizzera», aggiunge Fasel; «inoltre risparmiamo sui costi di traduzione».

L’Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) ha girato il video «Porta blindata PT1» in collaborazione con la società degli impresari-costruttori del Canton Friburgo (FBV).

In futuro, i componenti saranno dotati di un codice QR, che potrà essere scannerizzato con lo smartphone e rimanderà al video corrispondente, a condizione che l’applicazione sia installata sullo smartphone.

L’UFPP ha previsto di produrre altri video sulle costruzioni di protezione. I video attuali sono disponibili sul sito Internet dell’UFPP, alla rubrica Documenti sulle costruzioni di protezione.

Condividi post:

Scrivete un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubbilato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un *